Quel che vediamo quando leggiamo

Sicuramente vi è già capitato di andare al cinema a vedere un film tratto da un libro. E' cosa assai probabile vista la recente fantasia di sceneggiatori & Co. di Hollywood...
Ma non divaghiamo... dicevo, quando vedete il film, è irrefrenabile la tentazione di metterlo a confronto col libro o meglio, con l'immagine che la vostra testa vi ha dato del libro!

Leggendo, ognuno di noi crea la propria personalissima immagine della narrazione, dei personaggi, dei caratteri e via dicendo. E' questa una delle più belle e coinvolgenti caratteristiche della lettura: le parole sulla pagina possono portare a creare infiniti scenari nella mente dei lettori...
Ogni lettore, infatti, si focalizza su particolari e aspetti diversi in base alla propria esperienza e anche ai propri ricordi.

Se quindi ci si imbatte nella descrizione di un hotel in Marocco, chi è stato in Marocco contestualizzerà la scena in modo differente rispetto ad altri lettori che, invece, non essendo mai stati in quel paese, potrebbero ricorrere a immagini viste in film o documentari.

E' incredibile il potere della mente umana e la facoltà che il libro ci da di viaggiare per paesi sconosciuti plasmandoli dal nulla. Senza pensare alla componente di fantasia e di immedesimazione nella storia.
Da parole sempre uguali, 1000 lettori vedranno e sentiranno cose in 1000 modi differenti!

Commenti

  1. Vero, per questo vedere i film, dopo aver letto i libri, spesso mi fa arrabbiare. Perchè si perdono le infinite sfaccettature, create da me, alle quali ero affezionata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ed è triste, è come appiattire la propria fantasia omogenizzandola ad una visione comune.
      Bisognerebbe rileggere il libro anche dopo il film :P

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il monologo del capodoglio

Cronache della bomboniera per il Battesimo

Che tipo di lettore sei? - parte i -