Nuovi arrivi - Marzo 2018

Ero arrivato ad avere in libreria una quantità soverchiante di libri da leggere. Il fatto è che anni fa, con l'avvento di Amazon e della vendita online, gli sconti si sprecavano ed era un delitto non approfittarne! 😜
Poi mi sono dato una regolata e mi sono imposto di leggere più che comprare.
Ora ho DIMEZZATO la quantità dei libri da leggere e quindi posso essere più che felice (senza sensi di colpa) quando un nuovo libro entra in casa!
Caso vuole che sia un convinto sostenitore dell'affermazione "Un libro per regalo è sempre un'ottima idea" e fortunatamente anche i miei amici lo sanno 😊

Ringrazio di cuore Orsetto e Talloncino Bastardo e andiamo subito a farci un giro nella metro di Mosca!


Metro 2033 di Dmitry Glukhovsky è un libro distopico/post-apocalittico, di quelli che così tanta fortuna stanno avendo in questi anni.
Il romanzo è stato pubblicato su internet nel 2002 e solo nel 2005 in edizione cartacea perchè nessun editore è stato disposto a pubblicarne la prima stesura. Nei tre anni successivi, durante i quali il romanzo era scaricabile gratuitamente, la bozza ha subito diversi ampliamenti a seguito di contributi e suggerimenti degli utenti.
Pur rimanendo scaricabile gratuitamente, nel 2005 un editore lo ha pubblicato.
Ad oggi, il titolo è disponibile in 35 lingue!

La trama: Corre l'anno 2033. Il mondo è ridotto ad un cumulo di macerie e l'umanità è vicina all'estinzione (allegria!). Le città mezze distrutte sono diventate inagibili a causa delle radiazioni e al di fuori dei loro confini, si dice, c'è solo deserto e foreste bruciate.
I sopravvissuti ancora narrano la passata grandezza dell'umanità ma gli ultimi barlumi della civiltà fanno già parte di una memoria lontana, a cavallo tra realtà e mito. L'uomo è stato sostituito da altre forme di vita, mutate dalle radiazioni e più idonee a vivere nella nuova arida terra.
Il tempo dell'uomo è finito.
Solo poche migliaia di esseri umani sopravvivono ignorando il destino degli altri. Vivono nella metropolitana di Mosca, la più grande del mondo e ultimo rifugio dell'umanità. Le stazioni sono diventate dei piccoli stati, la gente riunita sotto idee, religioni, filtri dell'acqua o semplicemente per difendersi. È un mondo senza domani, senza spazio per sogni, piani e speranze dove i sentimenti hanno lasciato spazio all'istinto di sopravvivenza ad ogni costo.
VDNKh è la stazione più a nord, una volta la più bella e più grande. Oggi la più sicura.
Ma una nuova minaccia si affaccia all'orizzonte e Artyom, un giovane abitante di VDNKh, è il prescelto per addentrarsi nel cuore della metro, fino alla leggendaria Polis, per avvisare tutti dell'imminente pericolo e ottenere aiuto.
È lui ad avere le chiavi del futuro nelle sue mani, dell'intera metro e probabilmente dell'intera umanità.

Sono molto curioso di leggerlo!!

Commenti

Post popolari in questo blog

Incipit: Il nome della rosa

Incipit: Lo Hobbit

MOI - va in scena la vita di Camille Claudel